Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘descensus ad inferos’ Category

sto in agguato
acquattata
dentro di me
come un gatto
selvatico
in attesa
che la quaglia
del mal di testa
spicchi il volo.
non saprei dire
diversa la mia
battaglia di ogni giorno.

Annunci

Read Full Post »

di mio sarei sicuramente un fiore
non dico una rosa: un anemone
basterebbe (blu rosso arancione)
assomiglio piuttosto a un colchico
non conviene cogliermi (per ora)
la notte potrei risplender di luce
violetta e sciogliermi con le lacrime
in una pozzanghera velenosa
solo in pochi vedrebbero lo stame
e il cuore che pulsa imperterrito
in attesa della buona stagione

Read Full Post »

l’insonnia del fanciullo
addormentatosi prima di cena
spalanca la notte nera
popolata di un vuoto
che non è mai del tutto vano
e di un silenzio pieno
di bisbigli

Read Full Post »

sembra sempre
tutto facile, fattibile.
e infatti si fa: tutto.
e senza indugi
senza cincischi.
ma la carne e il sangue
sono sangue e carne
persino nelle ragazze
dalle forti tempre
quelle che trapani
senza troppi rischi
dal lamento flebile
quasi inudibile.
[a volte le ragazze
forti escono pazze
per amore
e per dolore: non hanno
dei pertugi
in cui urlar l’affanno:
lo tengono stretto
in capo al letto
e cantano soavi]

Read Full Post »

chissà quanta strada ancora per arrivare
al som de l’escalina e di quanto dolore
mi dovrò sobbarcare lasciando
gli amici lasciarmi andare

Read Full Post »

quando non riderò più, ditemelo:
non ridi più, non te ne sei accorta?
allora andrò sul limitar di dite,
allora sarà ora di varcare quella porta.

Read Full Post »

stando stesi
i pensieri lenti
e sudati muovono
pochi passi dalla mente
al muro lungo le crepe
attratti dal nuovo
corso intrapreso.
è l’ora della realtà
con le sue ragnatele
le muffe invisibili
nell’angolo a nordest
le tende da cambiare
i libri inutili da buttare
i mille soprammobili
vetusti che mai
si vorrebbe accumulare
ma si affollano
come gli anni
e non li puoi ignorare.
un principio di realtà
conduce l’esame
respinge trame
leggere e felicitanti
pensa alle bollette
ai restauri a come
il tempo passa
e non lo vedi passare
se non hai tempo.
incombe la realtà
con i suoi domini
insensati e utili
cosa fare fra tre minuti
se domani andrà meglio.
tutto scorre a bassa
velocità: un film muto
[non un sogno un desiderio]
aggrappato a un nuovo
senso di responsabilità.

Read Full Post »

Older Posts »