Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘la ine’ Category

la ine e becarìa

go finìo de lezer “Dei delitti e delle pene”. da seno: lo go leto! anca col dibatito filosofico, lo go leto! ti sa che me piaze lezer. lo go trovà usà, su un bancheto: mi no me par un libro da dar via, ma oniun se regola come chel crede. no no, no te vogio domandar spiegassion, go capìo ‘bastanseta, xe un italian antiquà, ma no incomprensibile. xe che me se ga sbalancà un mondo, ciò: ma no minga sula giustissia, che ancuo la xe lontana ani luce dala giustissia dei luministi. no, xe, come dir, na question de metodo. me ga colpìo el modo che sto becarìa ga de tratar le question. quando chel parla de la tortura el produze sto belisimo modelo de pensiero (però no stame vardar cussì. e come, cussì? cussì, coi oci fora dele orbite che se vede lontan un chilometro che te vien da rider), sto modelo a quatro posibilità: ti ga presente, no? e mi, fra mi, go dito: vustu veder che mutatimutandi se pol ‘plicarlo su tuto? lassa star la tortura. sicome che dopo averlo messo zò so’ ndada a farme do spese e go incontrà la gina cola efa (ti sa no, chi che le xe, che le xe corni in croze, massì che te lo go dito!) che le andava al marca’ come mi e le gera tuto un ciuciucì ciuciucì, gran ridae. mària! me go dito: doman névega! a parte che co sto tempo che xe nda’ via no saria tanto da farse maravegie, ma, insoma. co le me ga visto, se vede che la ghe girava ben, tuto un complimento, che ben che te trovo, ti sta ben col verde, te dona! sì, come no! ti sa che mi me preparo solo se go da ndar a un matrimonio che momenti no me riconosso gnanca mi da mi nel spècio. gero co la solita còtola blu, la magieta verde smeraldo, i sandali bassi, la borsa dela spesa, i cavéi… lassemo perder. le me tol in giro, ma mi so’ ‘bituada, no ghe fasso gnanca più caso. par strada rimuginavo sto libro e sto modelo e go, scoltime! costruìo un modelo mio aplicabile ai raporti umani, a quatro varianti.

la zente se pol dividerla in tanti modi, uno xe questo:

zente che no val niente e che se crede chissà che.

zente che val e che se vanta.

zente che val poco e lo sa e no se vanta.

zente che val e che no se dà arie.

cossa che ghe c’entra? ghe c’entra, ghe c’entra. mi no me meto in mezo a ‘ste categorie, pa’ un momento e comunque, dove ti vol che me meta? su la tersa, credo. ma quando che ti xe de quei boni da poco o da tanto che no se ne dà arie, ti ga a che far coi sempi e i inteligenti che se la tira, come che dize i zovini de ncuo (cossa che i se tira no go ncora capìo, ma i dize cussì). e i xe la magioransa, cara mia, la magioransa! alora quei puarini che sta co i pie par tera, che sa de no saver opur sa de saver ma no se comporta da stronsi, cossa fali? cossa ghe toca far pa’ sopraviver in sto mondo de montai? varda la gina e la efa, par modo de dir. e ora dal modelo a quatro varianti discende la prima dedussion che go ciamà la “teoria del ruffianesso”.

i punti tre e quatro del mio sistema, se vol sopraviver, ga da tor su, prima de movarse da casa, un fià de ruffianesso. pa’ lavorar, pa’ ndar a pasegio, pa’ far afari, po’, no parlemo! pa’ no farse parlar drio le spale: anca se no ti ga colpe i te parla drio le spale! con un fià de rufianesso, un complimento, na buzìa, un petegolesso , sopratuto co quei che no sa gnente, no i xe boni altro che de parlar, se sopravive megio. xe che par esempio mi me costa, no me vien fora gnente. xe tardi, ormai, pa’ cambiar. penso che co qualche buzieta giustada gavarìa podesto far cariera, anca mi. no gero gnanca bruta, a dir el vero. ma xe tardi, pa’ deventar rufiana.

Annunci

Read Full Post »