Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘noti e meno noti’ Category

http://www.youtube.com/watch?v=WSjEmdyO7rg

Read Full Post »

La tendenza corruttrice del potere è una funzione della capacità che ha il potere stesso di liberare le peggiori inclinazioni dell’uomo: avvertiamo in modo più profondo il potere che abbiamo su un altro essere umano non tanto quando ne conquistiamo il rispetto ma quando riusciamo a fiaccarne il morale. (A.C. Grayling, 2004)

Ubu: Eh, mi arricchisco. Ora mi farò leggere il MIO elenco dei MIEI beni. Cancelliere, il MIO elenco dei MIEI beni.

Cancelliere: Contea di Sandomir.

Ubu: Comincia dai principati, stupido mariolo!

Cancelliere: Principato di Podolia, granducato di Posen, ducato di Curlandia, Contea di Sandomir, contea di Vitepsk, palatinato di Polock, margraviato di Thorn.

Ubu: E poi?

Cancelliere: E’ tutto.

Ubu: Come è tutto! Oh, bene allora, avanti i Nobili, e siccome voglio continuare ad arricchirmi, farò giustiziare tutti i Nobili, e così avrò tutti i beni vacanti. Su, passate i Nobili nella botola.

(I Nobili vengono ammucchiati nella botola)

Sbrigatevi, più presto; voglio fare delle leggi, ora.

Parecchi: Stiamo a vedere.

Ubu: Prima di tutto, riformerò la giustizia, dopo di che procederemo con le finanze.

Parecchi magistrati: Ci opponiamo a qualsiasi cambiamento.

Ubu: Merdra. Prima di tutto i magistrati non saranno più pagati.

Nella botola i magistrati!

Madre Ubu: Eh, cosa fai, padre Ubu? Adesso chi amministrerà la giustizia?

Ubu: To’! io. Vedrai come tutto andrà liscio.

(da Alfred Jarry, Ubu re, Atto III, Scena seconda, 1896)

Read Full Post »

holden

http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplSezioni/CULTURASPETTACOLI/culturaspettacoliHP.asp

lo so che dai più mi distolgo, ma a me salinger non è mai piaciuto, alla faccia di baricco! il giovane holden è una palla, fanny e zoey addirittura inesistente! ieri è morto il vecchio salinger che non scriveva più un rigo dal ’65. dal mio punto di vista non ci siamo persi granché. pace all’anima sua.

Read Full Post »

Insoliti idioti

Un poeta che faceva poesie senza senso col calcolatore elettronico, si è suicidato col gas per dare alle poesie un globale senso drammatico. Ma il verbale della questura constata solo che aveva lasciato il gas aperto forse per inavvertenza.

da Ermanno Cavazzoni, Vite brevi di idioti, Feltrinelli, Milano 1994

Read Full Post »

« Newer Posts