Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘piccolo alfabeto del malumore’ Category

Oggi io sto

qui

in un luogo bellissimo.

Read Full Post »

Quello che si vede in superficie

è il resto di un’ustione, la materia

grigia e ingrata di una rinuncia,

di un approccio sghembo alla parola.

Storte le sillabe, storta l’anima

che le ha nutrite figlie prodighe,

che se tornano non ho di che dargli

a mangiare, io sola al sole, a mendicare.

Read Full Post »

Le sconfinate possibilità sono un’invenzione

dei filosofi, la libertà un giogo insopportabile,

una tentazione alla grandezza demenziale.

Giorno dopo giorno fatichiamo a raggiungere

noi stessi, sempre un po’ più indietro dell’ultima

tappa, tappando falle, vuoti, colmi di mille

pretese deliranti, scansando l’appuntamento

per esserci, quella prima e ultima volta.

 

Read Full Post »

Prendi Buzz Aldrin: alle macchie di Rorschach

rispose sempre farfalle. Io sapevo che potevo dire farfalle

ma sentivo i pugni nello stomaco e nella testa: così

ci ho visto i miei avvoltoi smembrati, figure

dell’oltretomba con artigli, uteri e polmoni

squaternati, sangue che cola da ferite, due

donne goffe ad un tavolino di bar. Ero

quei visceri, ero io, a pezzi, o in due.

Read Full Post »

Hanno rinunciato per me alle seduzioni

del demonio: non gliel’ho chiesto io,

pensavo ad altro in quel momento.

La buona educazione, solo quella,

ha fatto il resto: che assumessi  fattezze

umane e mi accollassi una vita perbene

scontando per tempo dell’inferno tutte le torture:

non le gioie, non l’energia e il carnevale.

Read Full Post »

Ci sono bugie in forma di sciocchezze

che non arrivo a tanto benché mi sforzi

di carpire i suoni posati sulle lingue

o arrotati sui denti e sui palati.

Quando credo di capire o fingo per pietà

di essere dei loro (pietà di me, non è per dire)

non varco nemmeno la limitata soglia

delle sensazioni: figurati se intendo le ragioni.

Read Full Post »

Dacché ho finito di penare sui miei lari,

sarà trascorso un anno, è giunta

quasi l’ora perch’io mi larizzi

confusa tra i pilastri della casa

immobile ridotta a sussurri

consigli per gli acquisti

se mettere o no il sale alla minestra:

un lare di carne, alla finestra.

Read Full Post »

Older Posts »