Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘poesiasifaperdire’ Category

la domenica è in questo guardare
è nel perdere tempo
nella gioia sottile
del vuoto delle ore
è il fuori dai vetri
che mi sfugge ogni giorno
la terra smossa nei vasi di fiori
spiarne curiosa la crescita stenta
non cala il tenore del mio stare
al mondo che continua a girare
sono solo più attenta
alle cose da niente
che quelle importanti mi azzanneranno
comunque e dovunque
tutto il tempo dell’anno

Read Full Post »

ne avrei da dire
ma non le dico affatto.
ti è morto il gatto?

mi rendo conto
con grande rammarico
d’essere buona

che soo dimo affà
fàmolo ssoo sapemo
ch’avemo affà

questa mattina
ho bisogno di miti:
il vuoto attorno

langue la lingua
non batte dove il dente
duole: lo lecca

guardinga aspetto
una rivelazione
un dar di petto

vigile sempre
attenta ad ogni fatto
ma non urbana

Read Full Post »

i vincitori li fa il carro
e quelli che sul carro
saltano veloci
poi bisogna remigare
e sgomitare e spingere
e urlare e esserci sempre
e indignarsi quanto basta
e dire la cosa ovvia
ma non troppo e fingere
costernazione ma vera
mostrarsi un passo avanti
esercitare il lessico
darsi una grammatica
di originalità una sintassi
scarna limpida essenziale
parlare per aforismi
in velocità
vincere facile ogni giorno
avendo un tornaconto
che non sia facile a vedere
che faccia illudere di avere
un guru-guru una guida.
una guida o un giuda:
una paronomasia.
[le sciocchezze son dettagli
l’importante è che li abbagli

Read Full Post »

adynaton

fossi nata in un tempo
diverso dal mio, dal nostro,
sarebbe stato un tempo antico
medioevo o rinascimento:
quei begli abiti fruscianti
mille colori sgargianti
inchiavardata dentro
la femminilità.

fossi nata in un tempo
diverso da questo
avrei vissuto a lungo
cinquantasei anni
o sarei morta di parto
o avvelenata dai fumi
dei colori brillanti
o nei campi violentata
da soldatacci di ventura
sgozzata per bravura:
e sarebbe sembrata
una fatalità.

fossi nata in un tempo
rabbioso qualunque
uguale al mio, al nostro,
non avrei contato meno
di quanto conti adesso:
poco è cambiato della donna
misurandone il destino
nel tempo [con le spalle
al sole, in controluce]
nell’immensità.

Read Full Post »

da vecchia
voglio lagnarmi sempre e non ascoltare mai le lagne altrui
voglio stare bene ed inventarmi malattie e farmi compatire
voglio bistrattare tutti e avere accanto un minaccioso bastone da passeggio
voglio mangiare dolci soprattutto se me li vieteranno
voglio andare là e subito dopo no di là e poi ancora no lasciami qui
voglio mettere le gonne non quegli stupidi pantaloni comodi
voglio stare a casa mia oppure a casa tua ma non in case arzille
voglio un badante di trentacinque anni

Read Full Post »

mi sento come una vecchia mutanda

ascellare sfilacciata, con l’elastico

molle, usurata dai troppi lavaggi

a 90° con il napisan.

di quelle color cannella,

postbelliche, da uomo,

con la feritoja per l’attrezzo.

credo che oggetto più deprimente

non si possa immaginare.

Read Full Post »

e niente: sono partigiana.
[mi voglio bene volendomi
molto male]. non sopporto
a priori tizio né caio
non gli do possibilità
d’appello. a priori amo
quello che dice sempronio
e checco. non è così
che si fa critica letteraria,
andiamo! ma che sono,
critica, io?
una criticona, e basta.
altri facciano
valutazioni
classificazioni
apprezzamenti
obiettivi
dall’alto della loro
impietrita divinità.
[si] facciano, per dire,
sssssst! pubblicità.
io per me amo
i libri che riescono
agli erbosi fossi
dove qualche sparuta
anguilla…
ma che dico?
e tuttavia
avete capito.

Read Full Post »

Older Posts »